• Ambra Mattioli

Aladdin Insane Storytelling Acoustic Session

Aggiornato il: apr 15


Aladdin Insane Acoustic Session Storytelling
Aladdin Insane Acoustis Session Storytelling

David Bowie è un'icona che ha impresso il suo stile, i suoi cambiamenti, la sua sperimentazione, nell’arco di cinquant’anni di carriera artistica. Il grande pubblico lo conosce tuttavia soprattutto per i brani che abbiamo nelle orecchie continuamente come sottofondo di campagne pubblicitarie di marchi famosi. Eppure le sue canzoni hanno segnato un’epoca. Basta sentire “Space Oddity”, per pensare allo sbarco dell’uomo sulla Luna. “Heroes”, per rivivere il crollo del muro di Berlino e cogliere il senso e la speranza dell'amore nonostante tutto. “Starman”, per sognare le stelle e nuove possibilità. “Let’s Dance”, per sentire i piedi muoversi nella voglia di ballare. “China Girl”, per immaginare dolci e forti complicità. “Loving the Alien”, per aprire le ali al di sopra delle menti indottrinate. “Changes”, per riflettere sui cambiamenti che si devono affrontare giorno dopo giorno. “Ashes to Ashes”, per accarezzare la malinconia dei pensieri caduti. E tanti, tanti altri ancora, fino al suo ultimo capolavoro "Blackstar", un lascito per risvegliare le coscienze.


Oltre i concerti rock con la band al completo, da tempo ho accarezzato e portato avanti il progetto di fare ascoltare al pubblico la bellezza della musica di David Bowie anche in Sessioni Acustiche live, con la mia voce, il piano e i cori di Francesco Infarinato, il sax di Lorenzo Perracino e la voce narrante dell’amico attore e poeta Claudio Germanò. È davvero molto impegnativo fare, come siamo soliti sempre, vero live senza basi registrate, sequencer o loop, ma ne vengono fuori serate di narrazione intima, di autentico Storytelling alla scoperta dei testi del Duca Bianco.


Noi Aladdin Insane David Bowie Tribute siamo e vogliamo essere anche questo.



Posto qui alcune foto e un paio di interpretazioni, della Sessione Acustica del 19 Ottobre in quel gioiellino che è il teatro Arciliuto di Roma, una bomboniera con un’acustica ottima che ha contribuito a fare ascoltare a un pubblico attento e partecipe, in una versione inusuale, il bel canto di David Bowie, un viaggio tra musica e poesia.



76 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti